Carrello 0 items: 0,00 €

 

Benvenuto nel sito della Coltelleria Collini di Busto Arsizio

idee regalo da 25 euro    idee regalo da 50 euro    idee regalo da 100 euro    idee regalo da 200 euro

Un antico proverbio recita: Regalare un coltello significa, tagliare il peggio del passato per iniziare un futuro migliore!

 

Museum replicas Windlass - Spadone di Novara - spada Artigianale

Art. Numero 5411

Panoramica veloce

La storia:
Il 23 marzo del 1513 veniva a Blois firmato un trattato d'alleanza tra il re di Francia e la Repubblica di Venezia. Con esso, Luigi XII si impegnava di restituire ai Veneziani la Ghiara di Adda e Cremona in mano a Massimiliano Sforza; Venezia si obbligava ad entrare in campagna verso la metà di maggio con ottocento uomini armati, millecinquecento cavalli e diecimila fanti.

Da quel momento l'esercito francese cominciò a radunare a Susa fanti e cavalli con 1.200 uomini armati, 800 cavalleggeri 8.000 lanzichenecchi e 8.000 avventurieri francesi. Contro tanti nemici il debole Sforza non poteva contare che sull'aiuto degli Svizzeri che scesero in gran numero dalle loro montagne e, giunti in Lombardia, avanzarono verso Tortona per unirsi agli uomini di Sforza e recarsi poi a Novara per respingere le armate.

Le ostilità iniziarono a maggio e presto Sforza si trovò solamente con Como e Novara quest'ultima assediata dal comandante dell'esercito francese La Trémouille già certo della vittoria. La mattina del 6 giugno però, a sorpresa, le truppe svizzere assalirono il campo francese e dopo un'accanitissima lotta durata circa due ore ebbero completamente ragione del nemico. Cinquemila francesi caddero in combattimento, altrettanti vennero uccisi, fuggendo, dai contadini; ventidue pezzi d'artiglieria con i cavalli da tiro e tutte le salmerie vennero condotti in trionfo a Novara.

Questa clamorosa sconfitta annullò tutti i vantaggi ottenuti dai Francesi, i quali furono costretti a rivalicare le Alpi. Le città che avevano innalzato la bandiera di Luigi XII si affrettarono a tornare all'obbedienza di Massimiliano Sforza, Milano compresa.

La spada:
Quesa magnifica spada a due mani è una perfetta riproduzione delle armi del 1500 realmente utilizzate dall'esercito di Sforza, presente anche nel libro "Armi Bianche Italiane" edito nel 1975 da Bramante. La lama, con un lungo ricasso e tre svasi, è realizzata in acciaio al carbonio con delicate incisioni floreali. Guardia e pomolo sono in ferro antichizzato finemente inciso con dettagli floreali. L'impugnatura è in legno ricoperto da cuoio nero ed assicura un grip eccezionale. Il fodero è in cuoio marrone con parti in ferro antichizzato.

Lama: acciaio al carbonio incisa
Impugnatura: cuoio nero
Pomolo: ferro antichizzato
Guardia: ferro antichizzato
Fodero: cuoio nero e ferro antichizzato
Lunghezza Lama: 100.5cm.
Lunghezza Impugnatura: 20.5cm.
Lunghezza Totale: 129.5cm.
Larghezza Lama: 5cm.
Spessore Lama: 4mm.
Peso: 2450g.
Peso con Fodero: 2790g.
Bilanciamento: avanzato a 10cm.

Calcola il costo delle spedizioni

Museum replicas Windlass - Spadone di Novara  - spada Artigianale

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre viste

  • Museum replicas Windlass - Spadone di Novara  - spada Artigianale
  • Museum replicas Windlass - Spadone di Novara  - spada Artigianale

Ulteriori informazioni

Condividi
Descrizione No
Articolo 5411
Traduci questa pagina in:
designer No
Acciaio Inox No
Prodotti scontati del: No
Acciaio al carbonio 1070
Tipo di impugnatura A due mani
Materiale acciaio al carbonio
Paese di produzione India
Marca Windlass
EAN No
Rarità No
Voto - Materiali e Finiture 8,5
Voto - Robustezza 8
Voto - Praticità 7,5
Voto - Estetica 8,5
Voto - Qualità/Prezzo 8

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa virgolette singole (') per frasi.

?>